il vuoto mi circonda

.

Sono migliorata tanto, sai? Finalmente al bar riesco ad ordinare senza entrare nel pallone, mi compro le sigarette da me, non mi vergogno più a chiedere qualsiasi cosa, non ho bisogno di altre persone. Prendo le medicine quando sto male, cerco di fumare di meno (con scarsi risultati). Piango di meno, urlo a voce più bassa, alcune volte per niente. L’ansia mi perseguita ancora però, se qualcuno si avvicina se mi trovo da sola se noto che qualcuno mi guarda. Alcune volte respirare mi sembra impossibile, tremo e piango, poi tutto passa però. Ascolto di meno gli altri e di più me stessa, cerco di prendermi cura di me. Certe volte crollo però, non mangio per un paio di giorni, mi dico cose cattive, non mi guardo allo specchio e mi ripeto che sono una persona di merda, come un mantra, per ricordarmi che mi merito tutto, perché sono una persona orribile. Sono migliorata, ma senza te è difficile sopportare me

abigaillarson:

"Pretend to Sleep" based loosely on Night Vale episodes
madonnaliberaprofessionista:

"…finì con i campi alle ortiche
finì con un flauto spezzato
e un ridere rauco
ricordi tanti
e nemmeno un rimpianto.”
33
587
x
4

-

ho un grave problema di gestione della rabbia. quando esplodo succede tutto così velocemente che le parole escono senza cognizione, come una cascata. è come camminare su un campo minato, non sai mai dovequandoperchécome, semplicemente all’improvviso bum esplodi. una frase, una parola, un immagine che mi balena in testa, e bum esplodo. sto facendo terra bruciata intorno a me e ho paura, ho paura, ho paura.

ho un grave problema di gestione della rabbia, ma ci sto lavorando al meglio.

12
"Lolita, luce della mia vita, fuoco dei miei lombi. Mio peccato, anima mia. Lo-li-ta: la punta della lingua compie un breve viaggio di tre passi sul palato per andare a bussare, al terzo, contro i denti. Lo-li-ta. Era Lo, null’altro che Lo, al mattino, diritta nella sua statura di un metro e cinquantotto, con un calzino soltanto. Era Lola in pantaloni. Era Dolly a scuola. Era Dolores sulla linea punteggiata dei documenti. Ma nelle mie braccia fu sempre Lolita"
2
"Ma ci sono quei dieci minuti nelle mie giorante, quelle mezz’ore in cui non capisco più niente, e non importa quante persone mi vogliano bene in giro per il mondo: sono sola.
Non posso chiamare nessuno, sono come un pesce che ha dimenticato come si sta sott’acqua. Sono in apnea senza la bombola d’ossigeno.
Vado giù e posso tirarmi su solo con le mie forze.
Non è niente, è solo paura.
E la paura è una delle sensazioni più estranianti che abbia mai provato."
Susanna Casciani (via contutticontro)
"Quelle come me sanno farsi male, sanno non amarsi, sanno fare un passo indietro, morire dentro a poco a poco, sanno chiudersi a riccio."
Alda Merini. (via valentina-bizzarra96)
  • Me: I wanna do something
  • Anxiety:
  • Anxiety:
  • Anxiety:
  • Anxiety:
  • Anxiety:
  • Anxiety: No you dont
  • Me: But
  • Anxiety: No
  • "Non sono come sembro. Sono molto peggio."
    Per una nuova short bio. (via quartodisecolo)